La risposta a questa domanda è assolutamente sì. Oggi ci sono ancora troppe aziende molto restie all’utilizzo dei video come strumento di marketing a tutti gli effetti. Ma questo limite auto imposto può provocare la perdita di parecchie opportunità.

Tutte le ricerche svolte sull’efficacia e l’efficienza dell’utilizzo dei video fanno emergere risultati positivi e che fanno ben sperare per il futuro del video marketing.

Perché è importante integrare i video nella strategia di marketing?

Inserire i video nella strategia di marketing è fondamentale perché, come emerso dalle ricerche di Wyzowl, aiuta ad aumentare le vendite e il traffico (76% degli intervistati), obiettivi primi di qualsiasi attività. Dalla medesima ricerca è emerso che, gli utenti trascorrono in media, al giorno, un’ora e mezza a guardare video. Il contenuto video, per questo motivo, risulta essere quello più piacevolmente guardato ed ascoltato. In questo modo, sarà più semplice far arrivare ai potenziali clienti il proprio messaggio senza che si infastidiscano.

Le aziende stanno già utilizzando i video come strategia di marketing?

Le aziende stanno usando il video marketing come strategia aziendale sempre di più. Wyzowl ha annunciato che nel 2017 i marketers che utilizzavano già i contenuti video erano in percentuale l’81% degli intervistati e coloro che non li stavano ancora utilizzando avrebbero iniziato in quest’anno. Perciò, bisognerà adeguarsi per non risultare obsoleti.

Una rivoluzione necessaria?

Sì. Il motivo di questa necessaria rivoluzione è che gli utenti del web manifestano sempre di più l’esigenza di contenuti video. Questo perché risultano più comprensibili, esplicativi, chiari, incisivi e convincenti. Con questo non vogliamo dire che il copywriter e l’art director debbano cambiare mestiere e lasciar la scena ai video maker ma semplicemente che si deve cercare di integrare al meglio tutte le opportunità offerte dalla tecnologia. Se gli utenti hanno bisogno di video per essere convinti ad acquistare un prodotto, un servizio, vanno accontentati. L’obiettivo alla base di qualsiasi strategia deve essere la soddisfazione del cliente.

I social network si sono già adattati all’introduzione dei contenuti video?

Ultimamente abbiamo assistito all’innovazione di alcune piattaforme social per favorire una content revolution. Ma nel dettaglio cosa hanno fatto i principali social per accogliere la richiesta degli utenti e dei marketers che desideravano utilizzarli come veicolo per la loro pubblicità?

Video in Live Streaming di Facebook

Facebook ha aperto le porte ai video in diretta introducendo la possibilità di condividere video in live streaming. In questo modo, ha dato l’opportunità agli utenti più curiosi di sfamare la voglia di pettegolezzi partecipando alle vite degli altri e alle aziende di far vivere ai propri clienti o potenziali una forte brand experience e dimostrare loro la propria presenza costante ed aggiornata.

Stories di Instagram

Instagram si è adeguato come Facebook ai video content introducendo la possibilità di creare e pubblicare stories. Queste ultime, come i live streaming video, consentono di intrufolarsi nella vita degli altri e vivere da lontano ciò che questi fanno. Per i brand, tutto ciò rappresenta una fantastica opportunità: usate da veri professionisti possono essere il giusto mezzo per creare un engagement molto forte con i propri follower. Esperienze a schermo intero, abbellite da filtri, emoticon e gif animate coinvolgono gli utenti, travolgendoli in un’altra realtà nella quale si perde il senso del tempo che passa. Una vera full immersion nel mondo del brand.

Periscope di Twitter

Per chi non lo conoscesse, Periscope è lo streaming di Twitter. L’applicazione di video broadcast da la possibilità agli utenti di condividere con il mondo online un’esperienza. La novità è che tutto ciò crea un flusso di streaming bidirezionale e interattivo: ciascun viewer può interagire con il contenuto video. Dal lato business l’innovazione rispetto agli altri canali si presenta nel momento in cui la piattaforma rende pubblico il fatto di poter sapere chi e cosa ha letto, visto, ascoltato, commentato. Le aziende con Periscope possono raccontare in diretta un evento da loro organizzato o al quale hanno preso parte e rendere pubblici alcuni momenti della vita aziendale, mostrandosi in tutta la loro trasparenza.

Quali sono le tendenze future?

In merito al tema video, le prospettive future sono positive e di forte crescita soprattuto circa tre aspetti molto importanti da non dimenticare:

Live Streaming

Video Mobile Friendly

l’adozione di formati accattivanti e tempistiche che non annoiano sono fondamentali per la maggior parte degli utenti che, oggi, naviga la rete da mobile alla ricerca i qualcosa di nuovo e di sbarazzino da guardare mentre aspetta il treno o mentre si trova in coda alla cassa.

Virtual Reality Video

un innovativo modo per sperimentare il prodotto e proiettarlo nella propria vita così da prendere una scelta di acquisto sempre più consapevole.

I video contents sono da considerare, per questo 2018, come il trampolino di lancio per attirare l’attenzione degli utenti che cercano il nostro brand o che capitano sul nostro sito navigando la rete.

Non restare indietro con i tempi e affidati a noi per il tuo progetto di video storytelling.

Contattaci per maggiori informazioni

9 + 9 =